Figli che non ascoltano i Padri (senzafiltro)

By Davide Cardile

Ott 04

Nell’era della caccia ai clic, manca l’engagement vero tra padri e figli. Ed è diverso dal contrasto generazionale al quale eravamo abituati.

Quando penso ai padri, penso ai figli.

Figli che non ascoltano i padri. Che li mettono via alla voce “passato” o “noioso”. O non “abbastanza veloce”.

Figli che hanno ben presente quanto sia pesante una paternale. Ma che non sanno, o dimenticano, che ha valenza di richiamo più che rimprovero. Per costruire, più che distruggere.

E così, ci ritroviamo qui. Padri e figli, nel momento più veloce della storia, come fossimo gli uni contro gli altri. Sempre troppo distanti per sentirci. O troppo diversi per capirci.

É paradossale, ma nell’era in cui si litiga o si esulta per un clic, ciò che manca è l’engagement, quello puro. Quello familiare. Tra padre e figlio.

Manca insomma tutto ciò che la natura aveva progettato.

I figli che ascoltano I padri.

I figli che chiedono ai padri.

I padri che insegnano ai figli.

continua su SenzaFiltro

Ogni giorno (è) una grande storia

Anche su questo blog, ogni giorno una nuova storia. Iscriviti per ricevere un riepilogo settimanale, un modo per tenerci in contatto e confrontarci. Potrai infatti rispondere con un clic per una domanda, un'osservazione, una chiacchierata. Come le lettere di una volta...solo con meno carta. (Solo 1 mail settimanale, zero spam, zero offerte commerciali. Se non ti piace o ti stanca...ti cancelli con un clic)

Tweet
Condividi
Condividi