Titoli killer: il metodo “e sticazzi” da usare prima di pubblicare un post (anche su LinkedIn)

Tutti giocano al content marketing, tutti insomma postano ogni giorno contenuti. Come fai a vincere? Ecco un trucco geniale e di sicuro successo.

L’attenzione è poca, la battaglia è di quelle toste.
Qualcuno ha detto in proposito:

“ hai più possibilità di farti notare al super bowl che qualcuno legga il tuo post”.

Vero, verissimo, lo so molto bene e forse l’hai imparato anche tu.
Dovresti anche sapere che le sorti dipendono da alcuni fattori:

  • Il titolo
  • L’immagine
  • La descrizione

Mi riferisco chiaramente all’anteprima del tuo post sui social. Dove altro puoi trovare lettori?

Tra questi elementi, il titolo  fa la parte del leone. Un titolo che non funziona, non funziona.
Se anche fossero in competizione due soli post dove

1 E’ il tuo, genio del (tuo campo) con un titolo onesto
2 L’altro di un pirla cosmico con un titolo magnetico

Scelgono sempre il secondo ed alla fine non so chi era veramente il pirla.

Come detto non siete mai in due e dunque diventa ancora più difficile.

Che cos’è e perché hai bisogno di un titolo killer

Tanta è la competizione e la cattiveria che ci vuole, che gli americani hanno coniato questa definizione che è tutta un programma: titoli killer.

Volendo dare una definizione diciamo che è:

“ Un titolo talmente azzeccato, che centra dunque i bisogni ed i desideri del tuo pubblico, che non gli si può resistere.”

Un titolo dunque che fa il suo lavoro: attrae e porta a leggere il tuo post.

Per farti capire di cosa parliamo: qualche mese fa, Science Post per verificare proprio questo fenomeno, ha creato un post farlocco e lo ha lanciato sui social.

Bene, il post ha ricevuto oltre 56.000 condivisioni. Peccato si trattasse di un post pieno di titolo segnaposto…

Come si fa a creare un titolo killer

Non arrivare a conclusioni affrettate. Non si tratta sempre di qualcosa di eccessivamente forte o per forza sexy o ricco di doppi sensi.

Ad esempio:

“Come diventare un mago di Pokemon Go ed umiliare gli amici” è un titolo killer, o almeno lo era sino a quando tutti non andavano in questa direzione.

“ Come imparare questo, fare questo ed ottenere quest’altro” è un titolo killer se ben centrato sul tuo target.

In questo modo punti sulla sicurezza. I tre momenti, come insegnano i drammi e le commedie funzionano sempre. Solitamente gioca bene anche tutto che è “come…”
Io ci sono riuscito con “Come trovare l’idea giusta, coinvolgere gli utenti e renderli tuoi clienti in 5 minuti”

Oppure puoi semplicemente giocare sporco. Facendo scopa con un immagine molto forte.

77 Resources That’ll Get You More Traffic Than Naked Pictures of Kim Kardashian

La descrizione del post diceva più o meno così: "Non provare nemmeno a negarlo. Vuoi più traffico al tuo sito. (più grande?)"

La descrizione del post diceva più o meno così: “Non provare nemmeno a negarlo. Vuoi più traffico al tuo sito. (più grande?)”

Non c’è bisogno di commentare.

Scrivere per le persone non per i motori di ricerca

Questo non è un post tecnico ma decisamente pratico. Non mi dilungo dunque e voglio semplicemente far passare un messaggio:

ricordati che: i tuoi lettori sono più persone che utenti.

Se ti metti a seguire le regole seo per scalare posizioni, soprattutto se sei all’inizio, potresti fare semplicemente una porcata.

Come me quando qualche anno fa scrissi:

“Content marketing: il content marketing è il marketing che ti serve. Hai capito il content marketing?”

p.s. tranquillo non fu mai pubblicato

Il metodo “e sti cazzi” è infallibile

Oggi se devo dare un consiglio killer, invece. ti lascio semplicemente guardare questo video.

Segui il consiglio ed i lettori saranno tutti tuoi. E’ questo che vuoi, no?

p.s. hai detto “me cojoni” alla fine di questo post?

Vamos!!!

Show Comments

No Responses Yet

Leave a Reply