Trump è con olio di palma ma ha vinto lo stesso. Aveva ragione Nutella.

Al netto di tutto, rimane questo: Trump ha vinto.

I professoroni, i geni, i politicanti di mestiere e generazioni no. Hanno perso.

Hanno perso pure i sondaggisti con tutta la loro tecnologia ed i Big Data.

Non puoi capire una persona se non sei una persona

Proprio sull’abbaglio delle previsioni c’è il primo passaggio importante; anzi importantissimo.

La giustificazione più plausibile, si diceva ieri mentre la gente votava ed i conti iniziavano a non tornare, è questa:

  • Chi ha detto Hillary era sincero.
  • Chi ha detto Trump era sincero.
  • Chi ha detto “non so” non lo era.

Insomma è credibile il fatto che tanta gente, perfettamente conscia della scelta impopolare abbia preferito tenere il voto davvero segreto.

Un po’ come se ora ti chiedo se guardi i porno; tu che mi rispondi?

Dai, non è un meccanismo così difficile da capire. E’ semplicemente umano.

Le persone non sono come dicono i libri. Le persone sono come le persone.

Il marketing non è una scienza, il neuro marketing forse si.

Quello che si può capire davvero sui consumatori (o elettori) puoi scoprirlo solo mettendoli dentro una macchina e vedendo quale zona del cervello si accende oppure no.

O con un pizzico di buon senso. Come sei tu > sono loro.

Quando trattiamo con la gente, ricordiamo che non stiamo trattando con persone dotate di logica. Noi stiamo trattando con creature dotate di emozioni, creature agitate da pregiudizi e motivate dalla superbia e dalla vanità.

Lo diceva Dale Carnegie nel 1936 e la storia non è mica cambiata.

Le parole giuste non esistono. Le idee buone non vincono. Ecco tutto.

Ieri su twitter impazzava il fatto che lo staff di Trump avesse vietato di twittare perché faceva danno.

Un motivo in più per dargli dell’idiota, cosa che in effetti sembra gli riesca bene.

Un anno prima era stato Jeb Bush a dargli dell’idiota ad un comizio pubblico.

“Vorrei dire una cosa: Donald Trump è un idiota”. Così Jeb Bush ha attaccato il magnate durante una tappa della campagna elettorale nel New Hampshire in vista di USA 2016.

Ecco appunto. Come può un idiota del genere vincere le elezioni?

Anche questo è semplice.

“Parla allo scemo del villaggio e sarai compreso da tutti”.

Immigrazione è stata la parola forte, unica e controversa che ha messo d’accordo tutti.

Anche comunicata a cazzo di cane è sicuramente più potente che dire tante cose che sfiorano solo leggermente le persone.

Le persone che sanno, sanno. Le persone che fanno, fanno.

Un altro aspetto interessante.

Un dilettante (in campo politico) con meno budget della Clinton ha compreso più di tutti l’importanza dei social.

“E’ come possedere il New York Times senza doverne sostenere il costo” ha detto.

n.b. ne ha parlato Marco Montemagno in un video proprio oggi.

Ed ha fatto. Certo forse in modo grossolano ma ha fatto.

Come diceva Einstein è la differenza tra teoria e pratica.

La teoria è quando niente funziona e tutti sanno il perché, la pratica è quando tutto funziona e nessuno sa come.

Non si sa bene come Trump abbia fatto ma ha vinto.

Senza olio di palma vs con olio di palma

Ha vinto un cattivo. Con l’olio di palma dentro ed in bella evidenza.

Anche di questo non c’è da sorprendersi. Anche dell’olio di palma non gliene frega niente a nessuno.

Certo se chiami al telefono e gli chiedi cosa pensa, o se li fermi al supermercato e sanno che li mandi in televisione…certo interessa a tutti.

Ma realmente no. Frega un cazzo a nessuno.

Pensaci.

Siamo abbastanza informati per sapere che le sigarette uccidono e che correre fa bene ma la maggior parte di noi fuma con una birra in mano sparapanzato sul divano.

Anche questo è tipicamente umano.

Infatti aveva ragione Nutella.

E’ notizia recente che in Italia le aziende stanno facendo la corsa per togliere l’olio di Palma dai propri prodotti; Coop ha già pubblicizzatato 100 etichette free, anche Barilla ha cambiato idea.

Ferrero no. Nutella e Kinder la loro ricetta non la cambiano.

Cosa pensi che succederà?

NIENTE.

Come diceva Martin Lindstrom, ne Le bugie del marketing, il 79% degli acquisti al supermercato sono causati da bambini che lagnano.

Ed infatti per me non cambia niente perché anche volendo mio figlio vuole l’ovetto Kinder. Ed io non ce la faccio mica a sentirlo piangere proprio alla cassa.

Ed anche se non piange, o se al supermercato ci vado solo, non cambia uguale.

Sai tenere un segreto? Mi piace troppo la Nutella.

La morale:

la prossima volta che scrivi nel web ricordati questa storia e non ti fidare di chi ti dice che le persone sono razionali.

Per il solito o sono matti o imbroglioni.

Click here to add a comment

Leave a comment:


Tweet
Condividi
Condividi